E’ confortante vedere come la chiesa di Bergoglio prenda coraggio nel condannare chi avvelena il prossimo, la madre terra, tutti gli esseri viventi. 

Il cardinal Beniamino Stella (collaboratore del papa) in visita nel suo paese natale nella Prosecco land martoriata dai pesticidi (in zona qualche giorno fa hanno irrorato dall’elicottero dei fedeli che recitavano il rosario all’aperto)  ha detto davanti ad una chiesa strapiena di fedeli«Questa bella comunità la sogno così  oggi è cresciuta giustamente la preoccupazione della gente per l’acqua, per il cibo sano, per i vigneti, troppo contaminati nelle radici e nelle foglie dai pesticidi. L’ecologia e la custodia delle risorse della natura e del creato sono da curare e da implementare».  

Immagine

Fonte:  http://ricerca.gelocal.it/tribunatreviso/archivio/tribunatreviso/2014/05/19/NZ_13_01.html

Pieve di Soligo (TV), il cardinale Stella “condanna” i pesticidi

di Francesco Dal Mas

(19.05.14) PIEVE DI SOLIGO (Treviso) Come un cardinale può sognare la comunità che gli ha dato i natali? Libera dai pesticidi. “Don Beniamino” Stella, così come lo chiamano ancora a Pieve di Soligo, nonostante sia diventato uno dei più stretti collaboratori di papa Francesco, lo ha specificato, nel suo stile semplice ma preciso, alla solenne messa di ieri in duomo a Pieve. «Questa bella comunità la sogno così» ha detto davanti ad una chiesa strapiena di fedeli «oggi è cresciuta giustamente la preoccupazione della gente per l’acqua, per il cibo sano, per i vigneti, troppo contaminati nelle radici e nelle foglie dai pesticidi. L’ecologia e la custodia delle risorse della natura e del creato sono da curare e da implementare». Ad ascoltare il porporato, nel primo omaggio ufficiale che gli ha reso il paese natale, c’erano il vescovo monsignor Corrado Pizziolo, numerosi sacerdoti, il sindaco Fabio Sforza, i candidati alle europee Cancian e Zabotti, anche numerosi produttori di prosecco. «Penso con tristezza a tutto quanto contamina l’aria», ha proseguito il cardinale Stella, che è a capo di uno dei principali dicasteri vaticani, la congregazione per il clero, ed ha citato il clima spirituale dei «nostri bellissimi paesi», contaminato dalla bestemmia, dal turpiloquio, dalla «poca solidarietà e da tante forme, a volte raffinate, di egoismo e di chiusura agli altri». In chiesa sembravano echeggiare la parole di papa Francesco. «Sogno una comunità» ha ancora detto l’ex nunzio apostolico a Cuba con Fidel Castro e in tanti altri paesi «generosa con le persone anziane e poveri», compresi i poveri per solitudine e senso di frustrazione. Stella, dopo aver invitato a pregare per le vocazioni, ha fatto riferimento al suo nuovo ruolo, precisando però: «Dio non guarda ai colori dell’abito e alle insegne, ma alle intimità profonde del nostro cuore». L’arciprete monsignor Giuseppe Nadal ha ricordato ai fedeli che il cardinale pievigino non ha voluto sfarzo, tanto meno sprechi, per questo suo primo incontro in paese. Di regali ha ricevuto un volume con i bollettini della parrocchia e un recipiente in vetro con le preghiere dei bambini. La prima che don Giuseppe ha tolto dal vaso dice: «Vorrei che questo papa non morisse mai, ma se dovesse succedere, fa o Signore che sia eletto papa il nostro don Beniamino». Il duomo è esploso in un applauso incontenibile. E “don Beniamino”, presenti i sei fratelli e le sei sorelle, ha raccontato un simpatico aneddoto. «Sono entrato oggi in questa chiesa, che raccoglie la mia storia di cristiano e sacerdote, con grande timore, quasi vergogna, come quando da chierichetto, lo ricordo come fosse adesso, sono caduto sui gradini dell’altare, portando il grande messale, quello delle solennità, che pesava quasi più di me». All’inizio della celebrazione il vescovo Pizziolo ha portato il benvenuto della diocesi di Vittorio Veneto, al termine il cardinale Stella ha condiviso prima un aperitivo, preparato dagli alpini, e poi il pranzo in palestra con tutto il popolo di Pieve. Il pomeriggio lo ha trascorso in canonica ricevendo coloro che volevano salutarlo, compresi i vescovi Ovidio Poletto ed Eugenio Ravignani.

Annunci